Video gay negri gay chat milano

miei gusti sessuali. Quando arrivai vidi tutti gli altri nudi che si masturbavano. Gattoni gattoni ritornai a letto, mio marito dormiva non sera accorto. Nel frattempo arriva suo figlio con 5 extracomunitari che lavorano presso la fattoria, sono tutti grandi e grossi. Davanti a me vedevo 4 cazzoni neri il vecchio lo stavo succhiando e pensai ne manca lo sentiii di dietro che mi spacco la vagina, cominciò un tremendo va e vieni pensavo di morire era grossissimo. Mio marito accetta ed è inamovibile non se la sente proprio di ripartire. Mi presero a forza e mi spogliarono poi il vecchio mi ordinò: succhia puttana. Ci propongono allora di fermarci a dormire lì in quanto il tempo era sembre brutto, poi l'indomani con il trattore ci avrebbero aiutato a estrarre l'auto dal fango e a rimetterci in marcia. Non soddisfatti diedero un altra ripassata alla mia figa per 3 volte ciascuno, sembrava non si stancassero mai. Sento la porta che si apre ed è Maria, con un prestesto mi invita a seguirla di la nella sua stanza, io non mi snetivo di rifiutare e la seguii. Allora ci fanno accomadare in una stanza al piano di sopra, mentre tutti loro rimangono sotto in soggiorno abere davanti al camino. Bè veniamo ai fatti: lo scorso aprile mio marito (ed io logico) veniamo invitati dal suo capo per un pranzo di Domenica in un agriturismo dell'emiglia Romagna, sicchè alla mattina di buon ora ci mettiamo in viaggio e poco prima di mezzogiorno raggiungiamo il posto. Era davvero grosso, comincia a succhiare ma non veniva mai. Dopo 2 ore il vecchio apri la porta e disse signori è l'alba andiamo. E partimmo, prima di andare mi disse in privato: "ci è piaciuto molto sbatterci una troia come te, passa ancora a trovarci". L'auto rimane infossata in questa stradina di campagna e quindi decidiamo di scendere, ripararci alla meglio cercando ristoro a casa di qualche contadino. Mi cambio e indosso un vestito di lana. Dopo circa 1 ora mio marito ronfa come un ghiro, nemmeno le cannonate lo sveglierebbero. Pensate che fino a quando non ci sposammo non volli nemmeno prendere in considerazione l'idea di far se ci ripenso, che idiota. Poi mi ordinarono di succhiarli ero come in coma facevo quello che mi ordinavano. Ora la mia vita continua a Milano, Giorgio non sa nulla, ma da allora la nostra vita sessuale ha avuto un'cioni atutti. Intanto chiama sua nuora e con tono da ducetto le ordina di prenderci dei vestiti asciutti e di prepararci una bevanda calda, la donna ubbidisce.

Commenti (1)

  1. video gay negri gay chat milano dice:

    Galateo galateo1 galateo2 galateo3.

Lascia una Risposta

Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono contrassegnati *